Home
Pesaro Cultura
Siete qui: Home > Da vedere > Edifici storici e Monumenti > Scalone vanvitelliano

Scalone vanvitelliano

Scalone vanvitelliano

In piazza del Monte (allora piazza santa Maria Maddalena) avevano sede un antichissimo monastero delle Benedettine documentato fin dal 1269, e l’annessa chiesa di santa Maria Maddalena con ingresso su via Zacconi.

Il complesso conventuale viene riedificato intorno al 1740 su progetto dell’architetto pesarese Giuseppe Tranquilli, allievo di Luigi Vanvitelli; è infine demolito nel 1967 per lasciare spazio ad una scuola media costruita sulle antiche mura romane (l’attuale Don Gaudiano). Situato all’angolo con via della Maternità, lo scalone vanvitelliano rappresenta ciò che rimane dell’architettura complessiva del monastero.

Ristrutturata nel 1998, la bellissima costruzione barocca è oggi completamente isolata e difficilmente individuabile nell’antica piazzetta che è stata del tutto modificata nel suo assetto originario. Di forma rettangolare, lo scalone è articolato su tre piani e si sviluppa attorno al vuoto centrale con un suggestivo effetto scenografico di forte verticalità. Fra i particolari più interessanti, si segnalano i decori in stucco, l'uso di materiali in contrasto, la balaustra in marmo della scala.

Lo scalone vanvitelliano svolge funzione di spazio espositivo a supporto della vicina chiesa di santa Maria Maddalena.

 

testo liberamente tratto da: Giovanna Patrignani, Pesaro. La Radio storia della Città,  Pesaro, Metauro Edizioni,  2008, pp. 90-91

 

 

via della Maternità
proprietà Comune di Pesaro
gestione
Sistema Museo

modalità d’ingresso visitabile in occasione di eventi espositivi

ingresso gratuito con card Pesaro Cult; la card costa 3 euro, ha validità annuale e offre una serie di vantaggi sull'offerta culturale cittadina (www.pesaromusei.it)

ingresso gratuito

accesso disabili

tel 0721 387398 Comune di Pesaro/Assessorato alla Bellezza; 0721 387541 biglietteria Musei Civici di Palazzo Mosca

lo scalone è stato concesso in comodato dal Comune a Macula - Centro Internazionale di Cultura Fotografica: per richiederlo come sede di iniziative culturali contattare l'associazione associazione.macula@gmail.com