Home
Pesaro Cultura
Siete qui: Home > Da vedere > Altro da vedere > Orti Giulii

Orti Giulii

Orti Giulii

Gli Orti Giulii costituiscono uno dei primi esempi ottocenteschi di parco pubblico in Italia. Vengono realizzati tra il 1827 e il 1830 su iniziativa e finanziamento del conte pesarese Francesco Cassi, in onore del cugino Giulio Perticari, illustre letterato morto nel 1822. Il cenacolo culturale-politico creato a Pesaro da Perticari e Cassi è la fucina che diffonde in città le nuove idee liberali che contribuiscono al Risorgimento.

In ricordo del cugino, Cassi trasforma in giardino pubblico l'interno dell'antico bastione delle mura roveresche, detto del Carmine, a lato di Porta Rimini. I bastioni o baluardi erano, nelle cinte murarie antiche, terrapieni rinforzati da grosse mura, posti agli angoli delle cortine per difenderle.

Il progetto viene affidato all'ingegnere ferrarese Pompeo Mancini, che realizza un parco alberato e un orto botanico, di notevole interesse anche dal punto di vista naturalistico.

Il giardino arcadico, destinato a luogo di ritrovo per i cittadini, rispetta il gusto neoclassico allora imperante, con boschetti, sentieri ornati di statue, busti e lapidi romane. Nella parte più alta, in cima al viale principale si trova il busto del Perticari al centro di una piazzola; da lì si può godere di una suggestiva visione panoramica: il porto, il fiume, il colle San Bartolo, la vallata del Foglia.

Dal 1861 gli Orti Giulii ospitano l'Osservatorio Valerio.

 

testo liberamente tratto da: Giovanna Patrignani, Pesaro. La Radio storia della Città, Pesaro, Metauro Edizioni, 2008, pp. 70-71

 

 

via Belvedere
proprietà Comune di Pesaro
gestione La Ginestra Cooperativa Sociale
orario 7.30-19.30

ingresso gratuito

accesso disabili

tel 0721 31990 La Ginestra Cooperativa Sociale

coop.laginestra@libero.it