Home
Pesaro Culture
You are here: Home > Pesaro Scrive > Archivio > Ludovico Agostini

 

Giornata Prima

Tra i più vaghi e più fruttiferi colli d'Italia giace il nobilissimo promontorio d'Azio imperiale, potentissima parte delle bellezze del seno Adriatico e principal dote della città di Pesaro, dove, non con puoca meraviglia di coloro ch'ivi per fama concorrono, si veggono sì adorni e sì ricchi palagi et in sì gran copia, che corrispondenti al bello et al dilettevole dei loro mirabili siti e dei preziosissimi frutti dir con verità si può non potersi in altra parte del mondo né vedere né immaginarsi meglio, per quanto allo stato umano più convenir si possa. E perciò di alcuni ditti luoghi, lontani un miglio dalla città, famigliarmente intendo ragionare, secondo ch'in ogni uno di quelli mi son ritrovato al tempo dell'estate a godere del salutifero aere ch'ivi abonda in compagnia de' miei più cari amici - che forono lo Stupido, il Sventato, l'Opposito, il Volubile, il Confuso e 'l Vano, tra' quali anch'io senz'accrescimento di numero annoverato sono - lasciando a più alti ingegni più alti discorsi, comincerò a scrivere alcune giornate passate domesticamente fra noi, et insieme descriverò i siti, i palagi e le bellezze delle donne che presenti vi si trovarono, senza le quali so io che più tosto umore che piacere sarebbero riputate le nostre giornate.da Le giornate soriane

Salerno Editrice, 2004

 

Torna a Ludovico Agostinii